Decreto autovelox, si cambia ancora: multe triplicate e difficoltà per l’annullamento

Gli automobilisti, dopo il decreto autovelox, dovranno far fronte ad un contesto più complesso, dove le possibilità di difesa si riducono e le potenziali sanzioni crescono

L’aggiornamento normativo relativo all’uso degli autovelox in Italia introduce importanti novità che tutti gli automobilisti dovrebbero conoscere prima di mettersi alla guida. Il decreto, atteso ormai da molti anni e fortemente voluto da figure di spicco del governo, mira a regolamentare più severamente l’impiego di questi dispositivi, riducendo l’autonomia dei comuni e ponendo fine a pratiche ritenute arbitrare.

decreto autovelox cosa cambia
Novità in vista con il decreto autovelox – Talkmagazine.it

L’Italia si posiziona infatti ai vertici europei e mondiali per numero di autovelox installati, una realtà che ha spesso alimentato dibattiti tra i cittadini sulla loro effettiva funzione: strumenti di sicurezza stradale o mere fonti di guadagni per le istituzioni? Nel 2023, i dati hanno rivelato un incasso da capogiro per i comuni italiani, con 1.5 miliardi di euro derivanti da multe legate agli autovelox, segnando un incremento del 6,5% rispetto all’anno precedente.

Il nuovo decreto dovrebbe quindi avere un duplice obiettivo: garantire la sicurezza sulle strade attraverso la prevenzione e i controlli e, al tempo stesso, proteggere le finanze dei cittadini da un utilizzo eccessivo e poco trasparente degli autovelox. Non tutti i nuovi provvedimenti sono però stati accolti con favore da parte dei contribuenti.

Decreto autovelox: le nuove regole da seguire per gli automobilisti

La novità più significativa è sicuramente l’introduzione di criteri più stringenti per la collocazione degli autovelox. Sarà infatti vietata l’installazione in prossimità dei centri abitati o in aree con limiti di velocità particolarmente bassi. Insieme a una buona notizia, però, ne arrivano altre decisamente meno piacevoli.

Novità 2024 decreto autovelox
Cosa aspettarsi con le nuove regole in materia di autovelox – Talkmagazine.it

Con l’introduzione del nuovo decreto, cambiano infatti anche le modalità di gestione delle infrazioni rilevate dagli autovelox. Una delle novità più significative riguarda l’eliminazione della foto del veicolo al momento della violazione allegata alla multa. Questa scelta è dettata dalla necessità di conformarsi alle normative sulla privacy, ma porta con sé implicazioni decisamente poco convenienti per gli automobilisti, soprattutto in caso di contestazione della sanzione.

La mancanza della fotografia e l’obbligo di oscuramento dei volti delle persone a bordo dei veicoli complicano notevolmente la possibilità di annullamento delle multe. Le immagini, pur essendo conservate dall’autorità competente, saranno accessibili solo su richiesta specifica e in vista di un ricorso. Questo significa, infatti, che eventuali dettagli utili alla difesa potrebbero essere non essere resi noti, se non dopo lunghi procedimenti burocratici.

Impostazioni privacy